Informazioni sull'intervento

Il Chirurgo ortopedico rimuoverà la cartilagine danneggiata e l'osso quindi impianterà il nuovo ginocchio di metallo e plastica per ripristinare l'allineamento e la funzione del vostro ginocchio. La procedura chirurgica richiede in media circa 1-2 ore.
Nella protesi totale del ginocchio vengono sostituite con parti metalliche le superfici di cartilagine danneggiate e una piccola quantità di osso sottostante alle estremità del femore e della tibia di tutto il ginocchio. Le parti metalliche generalmente vengono cementate all'osso con uno speciale cemento. Un inserto di plastica speciale molto resistente viene inserito tra le componenti metalliche per creare una superficie di scorrimento liscia. La superficie inferiore della rotula viene tagliata e sostituita con un bottone di plastica che viene anch’esso cementato.


Quando iniziare la riabilitazione

Il prima possibile, anche 24 ore dopo l'intervento chirurgico.

Fase 1

A casa del paziente, prevede esercizi isometrici di attivazione muscolare, mobilizzazione del ginocchio per recuperare la completa estensione e la flessione disponibile del ginocchio, educazione a come alzarsi e sedersi dalla sedia, elettrostimolazione, esercizi aerobici, esercizi con l'arto controlaterale, edcazione ad una corretta deambulazione con le stampelle e a salire / scendere le scale.

Fase 2

In studio, prevede esercizi di rinforzo muscolare nel lettino, esercizi in carico, deambulazione in autonomia senza ausili, esercizi di equilibrio, cyclette, lavori funzionali a seconda delle specifiche esigenze del paziente.

Quando potrò camminare senza stampelle?

Dopo 4-6 settimane dal giorno dell'intervento i muscoli avranno ripreso la loro funzionalità e sarà possibile deambulare con le proprie gambe senza bisogno di ausili.

Tornerò come prima?

La protesi del ginocchio, anche se vi farà stare meglio, non vi permetterà di fare una vita eccessivamente attiva: questo perché l'eccessiva attività (o l'essere troppo pesanti) può accelerare l'usura dello spaziatore di plastica e può condurvi ad un intervento di revisione della vostra protesi. Attività come il nuoto, le passeggiate non troppo lunghe e la bicicletta sono tuttavia ben tollerate dall'impianto protesico.
Il compito dei nostri fisioterapisti sarà quello di guidarvi per esprimere al massimo il vostro potenziale di movimento e tornare a fare tutte quelle attività che avevate sospeso per colpa del dolore al ginocchio.

Tornerò come prima?

La ricostruzione del legamento crociato anteriore è un intervento molto delicato, che va a scombinare la propriocezione e la coordinazione motoria dell'arto inferiore operato: questo perché il LCA non è solo un legamento passivo ma anche un vero e proprio organo di senso, che grazie ai suoi recettori coordina al millisecondo il meccanismo di contrazione e rilasciamento del quadricipite e degli hamstring.

I numeri nella letteratura scientifica sugli esiti della ricostruzione LCA non sono buoni: il 20% abbandona il proprio sport, il 50% non torna al livello di performance pre-lesionale e il 15% ha una recidiva, ma è anche vero che questi studi si riferiscono ad atleti che sono stati riabilitati con metodiche prevalentemente passive o senza carichi eccessivi, cosa che invece si è visto essere il cuore di una buona pratica riabilitativa.

Per riprendere a fare lo sport che si ama in sicurezza, per migliorare le proprie performance e per ridurre al minimo il rischio di recidive devi farti seguire da un professionista.

E se facessi riabilitazione anche prima dell'intervento?

Nei pazienti con gonartrosi sottoposti a protesi totale di ginocchio un percorso di fisioterapia preoperatoria può abbreviare la degenza ospedaliera e nelle cliniche riabilitative migliorando i risultati nel breve e lungo termine.
Se vuoi saperne di più visita la nostra pagina sulla PREHAB.

Whatsapp
Invia